.

Potete tagliare tutti i fiori, ma non potete impedire alla primavera di ritornare (Mao tse-tung)

sabato, gennaio 14, 2006

ENERGIA

La Natura insegna
La terra ha avuto tempo e modo di collaudare e selezionare, in milioni di anni, gli organismi in base alla loro efficienza energetica.
Le catene alimentari, che tutti abbiamo presente, dipendono, nella maggior parte dei casi dalla produzione primaria (organismi fotosintetici) su cui poggiano i consumatori (erbivori, carnivori, detritivori).
In media, l'energia assorbita dai produttori è inferiore al 50% e di questa solo lo 0,1% è disponibile ai consumatori.
Di fatto, i consumatori sono in numero superiore rispetto ai produttori, ma hanno biomasse molto inferiori (vedi piramidi delle biomasse e dei numeri)
Gli organismi si sono adattati alla loro posizione, chi riceve poca energia (detritivori,al termine della catena trofica) si è abituato a massimizzarne l'efficienza.
Chi ha tanta energia (autotrofi fotosintetici) si è permesso qualche spreco.
Questo ci suggerisce due riflessioni:
1) L'energia più disponibile e abbondante è quella solare
2)I sistemi più efficienti sono quelli che massimizzano l'utilizzo dei rifiuti
(fonti: Odum"Basi di ecologia" e per immagini www.biologie.uni-hamburg.de/b-online/e54/54c.htm)

2 commenti:

meija ha detto...

Consumatori e produttori OK!!!
Ma cosa significa che i consumatori, in numero superiore ai produttori, hanno biomasse inferiori?
E poi: se la natura ha creato questi autotrofi fotosintetici che si possono permettere sprechi di energia...bè allora naturalmente è consentito lo spreco di energia???
Cioè è naturalmente consentito che l'Uomo sprechi?

anarcoecologo ha detto...

Ok ti spiego..
I consumatori sono tanti e piccolini mentre i produttori sono pochini ma grandini.
Lo spreco degli autotrofi non è uno spreco per la terra, perchè la radiazione non assorbita contribuisce al riscaldamento.
Il bilancio è pari
L'uomo non fa nulla con bilancio paritario.